Giovedì Gnocchi!

È uno dei piatti più conosciuti al mondo.
Gli gnocchi hanno origini antiche, risalenti al XVI secolo, periodo in cui le patate iniziarono a essere importate dall’America.
Semplici da realizzare e versatili perché adatti a ogni tipo di condimento (burro e salvia, pomodoro fresco, ragù, pesto, etc.), gli gnocchi hanno diverse varianti: con farina di semola, di mais, col pane secco, con semolino, con la zucca… Ma senza dubbio i più conosciuti e apprezzati sono quelli di patate.

ATTENZIONE A QUALI PATATE! Ne esistono tante varietà. Se volete che i vostri gnocchi siano perfetti non vi affidate alle classiche patate a pasta gialla.
Le patate rosa (dalla colorazione della buccia) e quelle a pasta bianca fanno al caso vostro. La loro polpa farinosa le rende ideali per essere schiacciate e utilizzate nella preparazione di ricette che richiedono impasti asciutti durante la lavorazione.

INGREDIENTI:
1 kg di patate;
300 g di farina “00”;
Un uovo medio;
Sale.

PREPARAZIONE:
Lavate le patate. Prima di bollirle, per facilitare la rimozione della buccia dopo la cottura, praticate una leggera incisione al centro di ogni patata, intorno alla circonferenza. In tal modo sarà molto semplice rimuovere la buccia senza scottarsi, considerato che le patate vanno schiacciate calde.
Una volta ottenuta la purea, ripassatela una seconda volta nello schiacciapatate.
Lasciate raffreddare prima di procedere onde evitare che l’uovo si rapprenda.
Quando si saranno raffreddate aggiungete l’uovo, il sale e gradualmente la farina. L’impasto dovrà essere omogeneo ma, per evitare che gli gnocchi si induriscano durante la cottura, non va lavorato troppo a lungo.
Dal composto ottenuto dovrete ricavarne dei filoni che taglierete in pezzetti più o meno della stessa dimensione. Ogni pezzetto andrà tirato sul riga gnocchi praticando una leggera pressione.
Se non disponete di un riga gnocchi potrete trascinare la pasta sui rebbi di una forchetta.
Per evitere che gli gnocchi si attacchino cospargeteli con della farina.
Cuoceteli in abbondante acqua salata. Basteranno pochi minuti perché vengano a galla e siano, pertanto, cotti. Scolateli e conditeli a piacimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *