I Semi di Finocchio

I semi di finocchio – che di fatto sono il frutto della pianta Foeniclum vulgare Mill – sono largamente utilizzati in fitoterapia e in cucina,  sin dal XIV secolo.
Le varietà del finocchio sono due: selvatico e coltivato. Il finocchio selvatico è una pianta spontanea, perenne e dal fusto ramificato, che raggiunge i 2m di altezza, mentre il finocchio coltivato è una pianta annuale o biennale che raggiunge i 60-80cm di altezza e di cui si consuma la parte bianca alla base.
I semi di finocchio, più correttamente definiti “acheni”, presentano una composizione chimica ricca di oli essenziali e principi attivi.

La funzione tipica riconosciuta ai semi di finocchio (in tisane e decotti) riguarda la riduzione dei sintomi correlati alle difficoltà digestive tra cui pesantezza epigastrica, sonnolenza, aerofagia, singhiozzo, vomito gravidico, fermentazione-tensione intestinale e crampi addominali.
Pare che gli infusi a base di semi di finocchio agiscano efficacemente anche sulla diuresi e conferiscano maggior gusto al latte materno.

Per la presenza di antiossidanti i semi di finocchio non sono soltanto utili nella prevenzione del cancro, ma vengono ritenuti salutari per l’organismo per via delle loro proprietà antinfiammatorie. Il loro impiego potrebbe essere utile, per esempio, nel trattamento di disturbi come l’artrite, anche se non esistono risultati scientifici accertati.

I semi di finocchio sono ricchi di fibre, fondamentali per favorire il transito intestinale e per permettere l’eliminazione delle tossine. Le fibre riducono anche la possibilità di accumulo del colesterolo sulle pareti delle arterie, prevenendo le patologie cardio-circolatorie. Inoltre, grazie alla presenza del potassio, un sale minerale fondamentale nella regolazione della pressione sanguigna, l’uso dei semi di finocchio contribuisce a mantenerla stabile, regolando il battito cardiaco.

Nei semi di finocchio non mancano i flavonoidi,  un gruppo di antiossidanti ritenuto in grado di prevenire l’invecchiamento precoce, contrastando i radicali liberi.

I semi di finocchio presentano un elevato contenuto di rame, minerale fondamentale per la formazione delle cellule del sangue, con particolare riferimento ai globuli rossi.

Per preparare una tisana diuretica, sotto forma di infuso, è sufficiente far riposare, in 200 millilitri d’acqua bollente, e per almeno 10 minuti, 1 cucchiaino di semi di finocchio. Va consumata filtrata e non dolcificata.

In cucina i semi di finocchio sono utilizzati per aromatizzare preparazioni, condimenti, farciture e prodotti da forno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *