Madeleine

Le madeleine o petit madeleine sono dei delicati e soffici dolcetti francesi dalla caratteristica forma a conchiglia.
Le loro radici si perdono nel tempo e come spesso accade in questi casi, è difficile individuarne le origini precise.
Antiche tradizioni tramandate di generazione in generazione, collegano il nome di questo dolce al culto di Santa Maria Maddalena, discepola di Cristo, la quale seguì Gesù fino al monte Calvario e, la mattina di Pasqua, ebbe il privilegio di vederlo per prima risorto dai morti e di portare l’annuncio della risurrezione agli altri discepoli. Per la tradizione medioevale la Maddalena fu la prima evangelizzatrice della Francia. Questo suo pellegrinaggio in Francia spiegherebbe anche la forma a conchiglia dei dolci, in quanto la conchiglia nella religione cristiana è proprio il simbolo dei pellegrini, i quali, nei loro cammini lungo le coste, si cibavano dei mollischi che trovavano e ne tenevano i gusci per ricordo.
Ma secondo la maggior parte delle fonti le origini del dolce risalgono al ‘700 e ne indicano come creatrice Madeleine Paulmier, pasticcera alle dipendenze di Stanisław Leszczyński, duca di Commercy, nonché suocero di Luigi XV. Sembra che il re e la regina, innamorati dei particolari dolcetti, li battezzarono col nome di Madeleine rendendoli famosi alla corte di Versailles.

La conoscenza delle madeleine oltre i confini della Francia si deve in parte anche a Marcel Proust, il quale, nella sua opera “La ricerca del tempo perduto”, conferisce a questo dolcetto un ruolo chiave: il narratore mangia una petit madeleine e questo gesto rievoca in lui ricordi d’infanzia, del “tempo perduto”.

Per preparare le madeleine avrete bisogno del caratteristico stampo. In commercio ne esistono sia in metallo che in silicone. Io preferisco il silicone poichè libera dal fastidio di doverlo di volta in volta imburrare, è semplice da lavare e molto duraturo. Sceglietelo di buona qualità. Spendere un po’ di più al momento dell’acquisto servirá a non dover ricomprare il prodotto in tempi troppo brevi.

INGREDIENTI:
120 g di farina;
100 g di burro;
2 uova;
120 g zucchero a velo;
5 g di lievito per dolci vanigliato,
Aroma di mandorla (2 ml).

PREPARAZIONE:
Sciogliete il burro in un pentolino (o nel forno a microonde con il programma di scongelamento).
Nel frattempo, in una terrina a sponde alte lavorate, con lo sbattitore elettrico, per 5 minuti, le uova insieme allo zucchero a velo. Aggiungete al composto la farina e il lievito setacciati, amalgamate bene il tutto e per ultimo versate burro fuso e aroma di mandorla.
L’impasto sarà morbido e vellutato, ma non liquido!

Copritelo con della pellicola e riponetelo in frigo per almeno un’ora. Questa è una fase fondamentale per la buona riuscita delle madeleine.

Trascorsa almeno un’ora,  preriscaldate il forno a 220° e prendete l’impasto dal frigo.
Disponete lo stampo in silicone su una teglia (o imburrate accuratamente lo stampo metallico)  e riempite per 2/3 ogni singola formina. Infornate a forno statico e occhio alla cottura perchè, quando le madeleine formeranno la caratteristica cupoletta, dovrete abbassare la temperatura a 180° fino al raggiungimento della giusta doratura per poterle sfornare. Ricordate di riportare la temperatura del forno a 220° per l’infornata successiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *