Paste di Mandorle

Le preparazioni a base di pasta di mandorle vengono realizzate in molte regioni del sud e del centro Italia, ma in particolare in Sicilia, Calabria e Puglia (specialmente in Salento). Naturalmente ogni regione ha la sua preparazione tradizionale.

 L’origine della pasta di mandorle è incerta e risalente nel tempo. C’è chi attribuisce la preparazione della prima pasta di mandorle agli arabi e chi tramanda la storia più quotata secondo cui questa preparazione sia nata, intorno al 1100, nel convento di Martorana, a Palermo. Non a caso oggi la pasta di mandorle, o pasta “reale” come viene chiamata in Sicilia,  rappresenta un prodotto agroalimentare tradizionale (PAT) siciliano riconosciuto dal Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali.

A seguire vi propongo la ricetta delle paste di mandorle dette “pizzicotti”, molto adatte anche alle festività natalizie.

INGREDIENTI:
700 gr di farina di mandorle;
200 gr di zucchero semolato;
100 gr di zucchero a velo;
170 gr di albume d’uovo;
30 gr di miele;
Qualche goccia di aroma di mandorla.

Zucchero a velo q.b. per la rifinitura

PREPARAZIONE:
In un contenitore ampio e a sponde alte mettete la farina di mandorle con lo zucchero semolato e quello a velo. Mescolate il tutto e aggiungete albume, miele ed essenza di mandorla.
Amalgamate bene fino a quando avrete ottenuto un impasto omogeneo. Lasciate riposare in frigo almeno mezz’ora.

Intanto preriscaldate il forno a 200°, coprite una teglia con della carta forno e mettete dello zucchero a velo in una terrina.

Con l’impasto formate delle palline grandi quanto noci e passatele nello zucchero a velo. Posizionandole sulla teglia, ben distanziate tra loro, dovrete “pizzicarle” leggermente al centro per dar loro il tipo aspetto irregolare.
Infornate per 12/15 minuti a 200°, modalità statica, considerando che il risultato finale non dovrà essere dorato, ma pallido.
Temperature e tempi sono sempre indicativi e variano in base alle prestazioni di ogni forno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *